Posted by Marlon Malfa / No comments

Novembre 25, 2020

Sicilian Beeer – Ciclo di fermentazione pt3

Posted in Birrificazione, Tutti

Ordunque siamo a conoscenza di alcune particolarità di un ciclo standard di fermentazione, i cicli fin qui osservati si riferiscono senza dubbio ad alte fermentazioni, ma ancora non è stato esplorato il concetto di luppolatura a freddo o come piace tanto chiamarlo agli inglesi il dry Hopping.

Storicamente il Dry Hopping è una procedura interna al ciclo di fermentazione primaria e nasce in Inghilterra. Si hanno i primi tentativi di luppolatura a freddo nello stesso periodo storico in cui furono sviluppate le India Pale Ale. Questo stile birraio veniva incontro a esigenze tecniche relative all’esportazione delle birre dall’Inghilterra all’India.

Senza scendere troppo nei dettagli storici, scopriamo come potere effettuare una luppolatura a freddo a regola d’arte per esaltare al massimo il naso delle nostre bevande.

Come abbiamo osservato precedentemente il ciclo di fermentazione primario si divide in 3 sottofasi principali in cui il nostro mosto cambia stato:

  1. La fase 1 è detta fermentazione esotermica, in questo periodo di tempo che dura 5 giorni non si deve modificare in alcun modo l’evoluzione libera della temperatura. La temperatura interna del batch salirà di circa 5°C. E’ detta anche fermentazione tumultuosa. Ogni tentativo di variare l’evoluzione libera della temperatura in questa fase condizionerà la limpidezza della vostra birra finale a favore di torbidità evidente.
  2. La fase 2 è detta fermentazione endotermica, in questo periodo di tempo che dura dal quinto al decimo giorno il vostro mosto perderà tutta l’energia derivata dalla fermentazione tumultuosa e tornerà alla temperatura iniziale di inoculo senza l’utilizzo di cicli frigo forza. E’ sufficiente una buona coibentazione che eviti lo scambio termico con l’esterno.
  3. La fase 3 è detta wintering, in questo periodo di tempo che dura dal decimo al diciasettesimo giorno circa è necessario attivare il ciclo frigo e simulare la varianza di temperatura che avviene tra l’autunno e l’inverno all’interno del nostro fermentatore, raggiungendo temperatura comprese tra 4-8°C. Alla fine di questo processo si potrebbe anche imbottigliare, ma vogliamo luppolare a freddo e dunque

  1. La fase 4 è detta luppolatura a freddo è avviene alla fine della fermentazione primaria. Dunque il quindicesimo o diciasettesimo giorno siamo pronti per inserire i nostri luppoli sottovuoto all’interno del fermentatore, è necessario che i lieviti siano già completamente solidificati, quindi che la temperatura all’interno del nostro batch sia almeno 8°C. La luppolatura a freddo dura dai 4 ai sette giorni, e la temperatura non deve mai superare gli 8°C.

Spero possa essere utile questo articolo.

See you Soon.

Ciclo di Fermentazione pt3
Il Volume del batch
Ciclo di Fermentazione pt2
Ciclo di Fermentazione pt1
l’ossigenazione del mosto
La Fermentazione in evoluzione libera
Fermentatore in plastica o in acciaio

La Ricetta per iniziare All Grain
Alcune considerazioni utili

Pulizia e sanità

Descrizione generale del processo della birra

Tecniche speciali
Estrazione delle frutta

Tecniche di raffreddamento del mosto pt2
Tecniche di raffreddamento del mosto pt1

La bollitura pt.2
La bollitura pt.1

Classificazione geografica del luppolo

Malto in grani o malto liquido
Selezione degli ingredienti

il luppolo nella birra
Caratteristiche generali del luppolo

Vasca di ammostamento
Tecniche di ammostamento
Fondamenti di ammostamento pt.1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.